Vitalizi, la Sicilia vuole il taglio leggero e a tempo determinato: via il 9% ma solo per 5 anni

La Commissione speciale istituita all’Ars ha gia’ espresso positivamente il primo parere  alla proposta di legge per il taglio dei vitalizi e delle pensioni di reversibilità prima di che il testo dovra’ passare in  aula. 

Il testo potrebbe anche essere recepito dall’Ufficio di presidenza presieduto da Gianfranco Micciche’ ma l’accordo concordato tra Forza Italia e Partito democratico  pretende il passaggio parlamentare. 

La linea politica voluta tra democratici  e Forza Italia prevede un taglio lineare del 9%  per tutti i beneficiari di vitalizio e assegno di reversibilità. La riduzione dei vitalizi avrà una durata di cinque anni.
La scorsa settimana a Palazzo dei Normanni, ricordiamo, vi era stato uno scontro durissimo  tra il Presidente della Regione Nello Musumeci ed il Presidente dell’Ars Gianfranco Micciché, quest’ultimo ha accusato di demagogia il governatore affermando :”Sono pronto a proporre il taglio definitivo dei vitalizi, così vediamo chi fa più demagogia”. 

Musumeci aveva proposto un taglio maggiore,  recependo semplicemente il testo nazionale, che prevede tagli fino al 40 %  ma l’emendamento proposto dal deputato Arico’ (Diventerà bellissima) non è passato. 

Per il movimento 5S e per bocca dei deputati grillini affermano :  La norma è un’enorme presa in giro, oltre a essere gli ultimi nel paese ad attuare il taglio, siamo  anche i peggiori, visto che il taglio previsto e’ ridicolo di appena il 9 % e neanche definitivo e sarà operativo solo per 5 anni, praticamente una presa per i fondelli per i siciliani.