Violenza sessuale su bambina: patrigno resta in carcere

I giudici del Tribunale del Riesame di Palermo hanno rigettato il ricorso presentato dal quarantenne pluripregiudicato di Santa Elisabetta, già affidato in prova ai servizi sociali, arrestato lo scorso 21 settembre, dai carabinieri della Compagnia di Canicattì, poiché ritenuto responsabile di violenza sessuale aggravata continuata nei confronti di minore degli anni 14, maltrattamenti in famiglia, e lesioni personali aggravate.

Confermato la misura cautelare della custodia in carcere. L’uomo avrebbe abusato sessualmente di una ragazzina, da quando aveva solo 10 anni, e picchiato il fratellino, figli della convivente. La scoperta dopo alcune indagini. La madre, che era a conoscenza di tutto, non avrebbe fatto nulla per impedirlo.