Viadotto Akragas, Firetto sollecita l’Anas per i lavori di manutenzione

Era nei piani del Comune la possibilità di una viabilità a raso alternativa-integrativa, ma nessun progetto da parte dell’Anas.

Stiamo vivendo quello che sembra essere il periodo più buio della viabilità cittadina che un agrigentino potesse vivere.
Quando è stato chiuso il viadotto Akragas sembrava già di per sé una situazione tragica viste le gravi ripercussioni sul traffico cittadino. Ma negli anni a seguire abbiamo avuto la dimostrazione che si può cadere anche più in basso di così, grazie alla chiusura della galleria che collega Agrigento con Raffadali, per non parlare del ponte Petrusa che solo adesso, pare, stia vedendo la luce. A tutto ciò si aggiungono le discutibili condizioni di moltissime strade interne.

Oggi si ritorna a parlare del viadotto Akragas e le notizie non sono rassicuranti. A quanto pare, il Governo locale aveva in mente di avviare dei lavori di manutenzione per permettere una viabilità alternativa-integrativa, in attesa di trovare una soluzione definitiva al problema. Come già sappiamo, la ristrutturazione totale della struttura ha un costo molto elevato, per non parlare delle ripercussioni ambientali e paesaggistiche.

L’Anas doveva presentare una proposta progettuale entro il mese di gennaio 2019, proposta mai arrivata.
Firetto, secondo quanto riportato da La Sicilia, sembra essersi mosso per sollecitare l’Anas a rispettare gli impegni presi al fine di avviare la manutenzione quanto meno sulla porzione di viadotto già aperta al traffico. Per il momento tutto tace.