Vertenza Italcementi, sindaco Carmina: “Ok agli investimenti, ma con risoluzione occupazionale degli ex dipendenti”

 

Nella giornata di ieri si è tenuto un vertice alla presenza di Sua Ecc.za il Prefetto di Agrigento, dell’Azienda e le OOSS di categoria ed i lavoratori interessati , relativamente allo stato dei rapporti tra la Italcementi Spa e la Ricav Srl e della previsione di avviare un percorso attinente ad un progetto di recupero ambientale, finalizzato a fornire una soluzione circa le problematiche occupazionali degli ex dipendenti in mobilità di cui all’accordo siglato in Prefettura nel 2017 .

“Ho sottolineato , e su questo intendo rassicurare la Città – ha dichiarato la sindaca di Porto Empedocle, Ida Carmina – come ad oggi nessun progetto o studio di fattibilità sia stato presentato al Comune di Porto Empedocle ed all’Amministrazione , neppure in modo informale. Pertanto – ha aggiunto – ed in mancanza di elementi di valutazione , nessun valore di assenso o di indirizzo politico ne’ alcun vincolo è stato assunto, ne’ poteva essere assunto dall’ Amministrazione” .

La sindaca Carmina prosegue e aggiunge anche che: “Allorquando progetto e studio di fattibilità saranno presentati essi saranno immediatamente sottoposti al vaglio della Città e del competente Consiglio Comunale che dovranno esprimersi in merito al progetto e valutarlo in ogni sua parte anche con riguardo ai profili occupazionali”.

“Da parte nostra – ha aggiunto –  nulla osta a che questo percorso si inserisca nel quadro del rispetto dell’ accordo di cui al Protocollo di Intesa sottoscritto presso la Prefettura di Agrigento nel 2017 con la OO SS di categoria con cui l’ Italcementi si impegnava a “ favorire insediamenti produttivi , in una porzione dell’ area industriale in suo possesso , di terzi imprenditori che volessero investire , assumendo tutti o in parte i lavoratori della lista allegata al protocollo d’ Intesa”.

L’impegno dell’Italcementi – per la Sindaca Carmina – deve tradursi con la continuità del percorso avviato con la Ricav Srl , affinché tutti gli imprenditori che intendono realizzare investimenti produttivi nell’ area industriale (in possesso della stessa società), tengano conto del completo assorbimento di tutti gli ex dipendenti in mobilità.

“Attendiamo ulteriori sviluppi in merito ai quali intendiamo coinvolgere tutti gli empedoclini” conclude Carmina.