Una Giunta extra large ad Agrigento per lavorare a nuove intese politiche

Nominati due nuovi assessori nella giunta Firetto.

I nuovi ingressi nella giunta comunale di Agrigento, guidata dal sindaco Calogero Firetto, come recita il comunicato stampa diramato dallo staff del primo cittadino, sarebbero “un adeguamento alla legge regionale del 27 marzo 2019 recante norme in materia di composizione della “Giunta Comunale“.

Trattandosi di due rispettabili professionisti e tenuto conto del richiamo normativo che legittima l’ampliamento della Giunta sembrerebbe di trovarsi davanti ad un passaggio tecnico, quasi incolore dal punto di vista della modifica degli equilibri politici all’interno del Palazzo di Città e dell’aula Sollano.
Tuttavia, non è difficile immaginare che i neo assessori abbiano dei collegamenti più o meno organici con alcuni settori del consiglio comunale e questo, nel disegno del capo dell’amministrazione, deve servire a rendere più fluidi i rapporti tra esecutivo e assemblea consiliare.
Ma probabilmente la decisione,, che comunque ha un forte sapore politico e non può essere che così,, può essere funzionale a determinare un perimetro politico all’interno del quale iniziare a definire il cartello a sostegno della ricandidatura del sindaco uscente.
Se si vuole evitare di essere presi per osservatori distratti non si può non mettere in collegamento l’ingresso di forze nuove nella giunta con le dinamiche che stanno agitando il mondo politico locale in vista delle amministrative del 2020.
Questo vale se si vuole interpretare una scelta che certamente non può non avere le sue refluenze politiche, cosa diversa sono gli interessi della comunità per cui l’auspicio è quello di vedere nelle integrazioni alla squadra di governo locale un’opportunità per bene utilizzare questi ultimi mesi che ci separano dalla scadenza elettorale al fine di dare le risposte che l comunità attende.