Un flop i lavori al porticciolo di San Leone?

Da un lato la notizia di altri 265mila euro in arrivo per la riqualificazione del porticciolo di San Leone, dall’altro la lentezza dei lavori. La  giunta regionale,  in seguito a specifici rilievi effettuati dai tecnici incaricati, ha rilevato la necessità di una modifica al progetto definitivo per quanto riguarda il ripristino della mantellata del muro paraonde del molo di ponente. Nel porticciolo  a lavoro ci sono due soli operai per pavimentare l’intera area ed , intanto, i diportisti premono per riavere l’area libera per la stagione estiva. Sembra che, dopo il rinvio dello scorso anno, slitteranno ancora i lavori di messa in sicurezza del polo di ponente. Il comune di Agrigento, nei giorni scorsi, ha pubblicato l’avviso per affidare la gestione del pontile di San Leone ad operatori economici. Tra gli obiettivi dell’ente quello di “garantire – si legge nell’avviso- sempre maggiori servizi a cittadini e turisti valorizzando l’aspetto ambientale e di vivibilità degli spazi pubblici.”  I lavori sono stati consegnati lo scorso 23 febbraio e dovrebbero, il condizionale è d’obbligo, essere completati dalla ditta aggiudicataria entro 180 giorni dalla data di consegna. Il progetto, che impegna risorse stanziate dal governo Musumeci su proposta dell’assessore al ramo, Marco Falcone, per un importo complessivo di un milione e duecentomila euro, è stato lo scorso novembre presentato al Genio Civile di Agrigento dal sindaco Franco Micciché e dal capo del Genio Civile Rino La Mendola.