Stop alla violenza sul personale sanitario, manifestazione ad Agrigento

medici

Le aggressioni al personale sanitario sono tristemente quasi all’ordine del giorno. La scorsa settimana l’omicidio all’interno del suo studio di Favara, del cardiologo Gaetano Alaimo: l’indagato , che ha confessato di averlo ucciso,  era un suo paziente. Per dire “𝐒𝐭𝐨𝐩 𝐚𝐥𝐥𝐚 𝐯𝐢𝐨𝐥𝐞𝐧𝐳𝐚 𝐬𝐮𝐥 𝐩𝐞𝐫𝐬𝐨𝐧𝐚𝐥𝐞 𝐒𝐚𝐧𝐢𝐭𝐚𝐫𝐢𝐨” è stato organizzato, dagli Ordini dei Medici, ad Agrigento un sit-in pacifico. L’appuntamento è per sabato prossimo 10 dicembre alle 17 : da piazza Pirandello partirà un corteo. “Non siamo eroi, non siamo colpevoli”, dicono gli organizzatori. “Il fenomeno delle aggressioni ai medici e, più in generale, al personale sanitario è allarmante – afferma Santo Pitruzzella, presidente Omceo Agrigento – In questo contesto si scontrano due parti della stessa medaglia: il paziente, che ha il diritto ad essere curato, e il medico, al quale spetta il dovere di curare. L’organizzazione sanitaria dipende dallo Stato che decide e sceglie l’offerta del servizio sanitario. Cosa stressa il paziente determinando le principali cause delle aggressioni? La lunga attesa nei Pronto soccorso, le liste di attesa per una visita specialistica o un’indagine strumentale e questo avviene a causa del numero insufficiente di personale. Nei Pronto soccorso i medici sono pochissimi perché in pochi scelgono la Borsa di Studio in Medicina e Chirurgia d’accettazione e d’urgenza. Occorre, quindi, incentivare economicamente i sanitari, principalmente i medici delle aree di emergenza, raddoppiando gli stipendi. Il Governo tace e non dice che il re è nudo. E allora lo diciamo noi”. “La difficoltà che in questo momento si registra nel dare un servizio ottimale – dichiara Luigi Burruano presidente della Commissione Albo Odontoiatri – con delle prestazioni celeri e nei tempi programmati, vede la causa non tanto in una non disponibilità da parte della classe medica o del libero professionista, ma da una oggettiva sofferenza dei servizi, delle strutture, dell’intera organizzazione sanitaria nel nostro territorio. Per mancanza di fondi e di personale amministrativo si rallentano i tempi delle prestazioni, sovraccaricando i medici ancora superstiti di oneri che vanno aldilà della loro personale disponibilità. Anche noi medici odontoiatri chiediamo alla gente di non dimenticare che il medico, per sua definizione, è dalla parte del cittadino malato, di tutti gli utenti, ed è suo compito primario prendersi cura di chi si rivolge a lui. Pensare che la causa di un disservizio sia da attribuire in maniera prioritaria al medico tanto da arrivare a generare atti di violenza non è assolutamente giustificabile. La gente deve sapere e rendersi conto che nel medico ha un suo alleato e non un suo nemico”.
Il Segretario della Uil di Agrigento, Gero Acquisto, si unisce al corteo sottolineando l’importanza della manifestazione: “È giusto e doveroso che il Paese si schieri contro la violenza perpetrata ai danni dei professionisti sanitari che ogni giorno sono impegnati sul campo a tutela della salute dei cittadini, ma che troppo spesso sono vittime di manifestazioni di aggressività, fisica e verbale. E’ necessario tutelare l’incolumità di tutti i professionisti sanitari ogni giorno in prima linea al servizio dei cittadini.”