Senza esito ricerche migranti dispersi. In 140 trasferiti (40 su nave quarantena)

Vanno avanti le ricerche degli eventuali dispersi, per il terzo giorno consecutivo, dopo il naufragio del barcone con migranti, verificatosi fra Lampedusa e l’isolotto di Lampione, in cui sono morte sette donne. All’appello mancherebbero 9 migranti, secondo le testimonianze raccolte dalla polizia di Stato dai superstiti. Dieci secondo l’Unicef. Le perlustrazioni del tratto di mare, dove il barcone si è ribaltato, però ancora sono senza alcun esito.

Non si sono registrati sbarchi durante la notte. L’ultimo approdo – ed è stato il quarto della giornata – di un barchino, con a bordo 12 tunisini, bloccato dalla motovedetta della Guardia di finanza, è di ieri sera tardi. Altri 101 migranti sono stati imbarcati sul traghetto di linea “Sansovino” che giungerà in serata a Porto Empedocle. A disporre il nuovo trasferimento del gruppo ospite dell’hotspot di Lampedusa è stata la Prefettura di Agrigento.

Nella struttura di primissima accoglienza di contrada Imbriacola restano, per il momento, 425 persone. La Prefettura ha pianificato l’imbarco sulla nave quarantena Aurelia di altre 40 persone.