Roberto Di Mauro: “Firetto? Non siamo soddisfatti, agrigentini pronti a ripartire”

Raggiunto dai nostri microfoni, l’Onorevole Roberto Di Mauro ha parlato dei temi più scottanti del momento, fino a prendere in considerazione il discorso Agrigento e Sindaco.

Tra i problemi dell’autonomia finanziaria e della legge finanziaria che interessano direttamente la nostra Regione, Roberto di Mauro ha parlato anche della situazione agrigentina e del suo Sindaco. Di Mauro ha affermato che già da un po’ di tempo i rapporti col Sindaco Firetto sono chiusi in quanto non c’erano e non ci sono le condizioni per andare avanti.

Agrigento attualmente versa in condizioni a dir poco penose e discuterne con il Vicepresidente dell’ARS rappresenta un momento importante di riflessione. I problemi non potranno risolversi solo con l’intervento del Comune, è necessario che ci sia dia una mossa anche nel settore privato. Solo lo spirito degli imprenditori può aiutare a risolvere situazioni spinose come il problema del Polo Universitario.

Proprio a proposito del Polo e della situazione agrigentina in generale, Di Mauro afferma quanto segue:

“Per risolvere la situazione definitivamente è necessario costruire una realtà universitaria VERA, non essere doppioni di Palermo, ma esserne complementari. Firetto? Non ci riteniamo soddisfatti di ciò che ha fatto, presenteremo qualche proposta che potrà essere condivisa dagli agrigentini.”

Visto che il momento delle elezioni comunali sembra non essere più così lontano, molto probabilmente si sta già pensando a chi potrà essere il prossimo candidato a Sindaco. Ma chi potrebbe essere il candidato sostenuto da Di Mauro? In questo momento è difficile trovarne uno visti i tumulti interni.

Proprio a questo proposito, Di Mauro ha parlato dal recente addio da parte del Dr. Piero Macedonio da Forza Italia. Queste sono state le sue parole:

“Patto per il Territorio e Forza Italia sono due facce della stessa medaglia. Forza Italia probabilmente vuole entrare nel Governo della città assumendosi la responsabilità di un disegno politico diverso dalle forze politiche che sostengono Musumeci. Liberissimi di farlo, ma questa mossa avrà sicuramente delle ripercussioni a livello provinciale.”

Autonomia fiscale al nord, Firetto e politica locale. Di Mauro passa al contrattacco