Agrigento asfaltata a Capo d’Orlando: al PalaFantozzi finisce 82-55

Comincia in salita il girone di ritorno per la M Rinnovabili Agrigento. Priva di pedine fondamentali al PalaFantozzi la squadra è naufragata presto, faticando più del previsto. Dopo il KO nel derby di Trapani, è arrivato quello di Capo D’orlando. Una sertaccia per la squadra di coach Ciani che ha portato in doppia cifra oltre il solito Cannon (15 pt) solo Amir Bell (12 pt) e Sousa (11 pt). Troppo poco per contrastare lo strapotere della squadra di coach Sodini. Agrigento ancora priva di Zilli ha dovuto affidarsi ad un quintetto che ha dato poche garanzie. Chi si è alzato dalla panchia ha inciso poco, con Pepe ed Evangelisti lontani parenti dei giocatori visti qualche mese addietro. Questa volta delude anche Ambrosin. Il giocatore fresco di nomina come miglior under 21 del mese di dicembre, numeri alla mano, ha giocato una partita al di sotto delle aspettative (2 pt).

Benfapp Capo d’Orlando – M Rinnovabili Agrigento 82-55 (19-23, 24-10, 15-16, 24-6)

Benfapp Capo d’Orlando: Brandon Triche 22 (6/14, 2/7), Davide Bruttini 16 (7/9, 0/0), Jordan Parks 15 (5/13, 0/0), Jacopo Lucarelli 10 (2/4, 2/6), Simone Bellan 9 (3/5, 1/3), Yantchoue joseph Mobio 6 (3/3, 0/0), Nicola Mei 2 (1/1, 0/1), Matteo Lagana 2 (1/1, 0/1), Lorenzo Neri 0 (0/0, 0/0), Giancarlo Galipó 0 (0/1, 0/0), Carlo francesco Stella 0 (0/0, 0/0), Marco Murabito 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 11 / 15 – Rimbalzi: 35 11 + 24 (Davide Bruttini 11) – Assist: 14 (Simone Bellan 5)

M Rinnovabili Agrigento: Jalen Cannon 15 (6/8, 1/2), Amir Bell 12 (4/4, 1/2), Dimitri Sousa 11 (5/9, 0/3), Edoardo Fontana 7 (2/4, 1/2), Tommaso Guariglia 5 (2/8, 0/2), Simone Pepe 3 (0/1, 1/3), Lorenzo Ambrosin 2 (1/4, 0/3), Marco Evangelisti 0 (0/1, 0/1), Giuseppe Cuffaro 0 (0/0, 0/1), Paolo Nicoloso 0 (0/1, 0/0), Giacomo Zilli 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 3 / 9 – Rimbalzi: 33 11 + 22 (Dimitri Sousa 7) – Assist: 10 (Tommaso Guariglia 3).

Franco Ciani: “Sconfitta che fa male, dobbiamo invertire la rotta”

“Non abbiamo una condizione fisica particolarmente brillante, che viene da un periodo nel quale abbiamo avuto assenze molto lunghe. La qualità e l’intensità degli allenamenti nell’ultimo periodo non è stato buona. E’ un campionato molto equilibrato e non possiamo permetterci di perdere in questo modo, ma non possiamo neanche perdere la voglia di aiutarci con grande intensità, ovvero tutto quello che abbiamo avuto nelle prime giornate di questo campionato. E’ un patrimonio che dobbiamo recuperare, se per recuperarlo dobbiamo trovare un tipo di lavoro diverso o trovare gerarchie diverse, questo è del compito mio e del mio staff. Questa è una sconfitta che fa male a noi, ma anche ai nostri tifosi. Dobbiamo invertire la rotta”.