Pericolosi per la sicurezza pubblica, applicati 20 provvedimenti di polizia

La polizia di Stato della Questura di Agrigento, in particolare l’Ufficio misure di prevenzione della Divisione Polizia Anticrimine, ha applicato 10 avvisi orali, e 10 fogli di via obbligatori, provvedimenti di competenza del questore Rosa Maria Iraci, a soggetti ritenuti pericolosi per la sicurezza pubblica.
Gli avvisi orali 7 a Palma di Montechiaro, 1 a Canicattì, Licata e Porto Empedocle. Con questo provvedimento il Questore avvisa il destinatario dell’esistenza di indizi precisi sulla sua condotta illecita e lo invita a tenere un comportamento conforme alla legge.
Si tratta di C.R., 63 anni, abitante a Canicattì (con precedenti per minaccia, rissa aggravata, furto, detenzione stupefacenti);
M.F., 46 anni, abitante a Licata (truffa, violazione di domicilio, danneggiamento, furto aggravato e minaccia);
B.G.N., 19 anni, abitante a Palma di Montechiaro (detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti;
​B.D., 19 anni, abitante a Palma di Montechiaro (detenzione abusiva di armi, detenzione di sostanze stupefacenti;
B.S.B., 18 anni, abitante a Palma di Montechiaro (detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti);
G.B., 28 anni, abitante a Palma di Montechiaro (lesioni personali, minaccia);
M.N., 26 anni, abitante a Palma di Montechiaro (stupefacenti, lesioni personali, rapina, porto di armi);
M.E., 48 anni, abitante a Porto Empedocle (rissa, furto aggravato);
I.G., 63 anni, abitante a Palma di Montechiaro (violenza privata, rissa, porto illegale di arma da fuoco);
C.G., 37 anni, abitante a Palma di Montechiaro (traffico e detenzione di sostanze stupefacenti, lesioni personali, minaccia).

Dieci Foglio di Via Obbligatorio, tutti della durata di 3 anni, che impone l’ordine di rimpatrio nel comune di residenza ed il contestuale divieto di ritorno nel comune dal quale è stato allontanato, senza la preventiva autorizzazione. Su segnalazione della Stazione carabinieri di Cattolica Eraclea è stato applicato a M.M., 78 anni, domiciliato a Calamonaci, resosi responsabile dei  reati di ricettazione e gestione di rifiuti non autorizzata;
Su segnalazione del Commissariato di Licata a T.S.M, 65 anni, domiciliato a Soverato, resosi responsabile dei reati di oltraggio, resistenza e violenza a Pubblico ufficiale;
​Su segnalazione del Commissariato di Licata a D.N.A., 31 anni, domiciliato a Ragusa, resosi responsabile del reato di detenzione di sostanze stupefacente;
Su segnalazione della Stazione carabinieri di Cianciana a: G.D., 25 anni, domiciliato a San Biagio Platani, resosi responsabile dei reati di furto aggravato, ricettazione;
Su segnalazione della Stazione carabinieri di Cianciana a S.A., 49 anni, domiciliato a San Biagio Platani, resosi responsabile dei reati di furto aggravato, ricettazione;
Su segnalazione della Tenenza carabinieri di Ribera a B.A., 32 anni, domiciliato  a Sciacca, resosi responsabile del reato di detenzione di sostanza stupefacente;
Su segnalazione del Commissariato di Palma di Montechiaro a M.A., 39 anni, domiciliato ad Agrigento, resosi responsabile del reato di truffa presso esercizi commerciali;
Su segnalazione della Stazione carabinieri di Lampedusa a S.S., 30 anni, domiciliato a Realmonte, e a S.F., 54 anni, domiciliato a Porto Empedocle, entrambi resosi responsabili del reato di associazione per delinquere.
Su segnalazione del Commissariato di Sciacca a S.G., 49 anni, domiciliato a Canicattì, resosi responsabile del reato di possesso di chiavi alterate e di grimaldelli.