Palestra distrettuale: corsa contro il tempo per l’inizio del campionato in A2 della pallavolo Aragona

La palestra distrettuale di piazza Ugo La Malfa , ad Agrigento, è quasi pronta. Mancano due tasselli: gli arredi, e per questi la gara è stata espletata, e la scala antincendio. “La ditta che si sta occupando dei lavori di ristrutturazione sta lavorando sulla scala antincendio- ci dice il sindaco Micciché-. Ho chiesto di fare presto e così permettere alla Seap Dalli Cardillo Aragona di giocare all’interno della struttura”. Gli incontri casalinghi della Seap Dalli Cardillo Aragona  del prossimo campionato di Serie A2 non potranno disputarsi al palasport Pippo Nicosia che non ha i requisiti richiesti per poter ospitare le gare del secondo massimo campionato nazionale di pallavolo femminile. L’altezza del tetto non ha la misura standard di 7 metri e 50 centimetri così come prevede il regolamento Fipav. Il tetto del “Pippo Nicosia” ha un’altezza di 7 metri. La società biancazzurra, dunque, si è subito messa in moto ed è corsa ai ripari per reperire un campo alternativo: appunto la nuova palestra distrettuale di Agrigento. Se entro il prossimo 10 ottobre, data d’inizio del campionato di Serie A2, la struttura di Agrigento non dovesse essere pronta, la Seap Dalli Cardillo Aragona sarà costretta a giocare le partite casalinghe al palasport “Giudici Saetta e Livatino” di Canicattì. La palestra distrettuale di Agrigento ha una capienza di ben 1200 posti, e si presta per svariate discipline sportive, dalla pallacanestro alla pallavolo, calcetto e pallamano, solo per citarne alcune.