Omicidio del marmista Miceli, la difesa chiede proroga delle indagini

Chiesta la proroga delle indagini dai difensori di Gaetano Sciortino, l’operaio 53enne, accusato dell’omicidio del marmista di Cattolica Eraclea Giuseppe Miceli e arrestato lo scorso 20 ottobre con l’accusa di avere ucciso l’uomo all’interno del suo laboratorio.

Ora i difensori dell’uomo, gli avvocati Santo Lucia e Giovanna Morello, chiedono dopo l’avviso di chiusura dell’inchiesta notificato dalla Procura una proroga alle indagini in cerca di elementi utili.