Maltratta i genitori per soldi: chiesto rinvio a giudizio di una ventenne

Il pubblico ministero Maria Barbara Grazia Cifalinò ha chiesto il rinvio a giudizio per una ventenne di Favara, accusata di maltrattamenti in famiglia, ed estorsione. La ragazza avrebbe costretto la madre a consegnarle delle somme in denaro, per comprare la droga, minacciandola di accoltellarla se si fosse rifiutata. L’udienza preliminare è fissata davanti al Gup del Tribunale di Agrigento, Giuseppe Miceli, per il prossimo 31 ottobre. La Procura di Agrigento contesta alla giovane, di avere maltrattato entrambi i genitori, per circa due anni, con ripetute vessazioni, e minacce. “Ti stacco la testa e ci gioco a pallone”, sarebbe stata una delle minacce al padre.