Navette, Firetto rilancia: le riproporremo anche l’anno prossimo

Le critiche alle Navette del Mandorlo per raggiungere il centro città non scalfiscono il sindaco di Agrigento che dalle pagine del quotidiano La Sicilia  rilancia dicendo: “non c’è altra soluzione per la gestione di tali flussi di persone”.

Le lunghe code e la viabilità paralizzata con le conseguenti critiche all’istituzione di tre punti fuori dalla cinta urbana per la fermata dei bus turistici, non preoccupano il sindaco Lillo Firetto, che rivendica la scelta e anzi, ne conferma pienamente la bontà.

“Larga parte dei problemi si sono riscontrati perché le persone non erano state informate dai tour operator del fatto che erano previste navette e pagamento – spiega al quotidiano catanese – come in realtà è comune fare in qualunque realtà turistica al mondo. Anche se stiamo attendendo una relazione approfondita da parte della Tua, non abbiamo ricevuto da parte della ditta segnalazioni di problemi tra quelli lamentati, come il fatto che ad un certo punto sarebbero finiti i ticket. Resta il fatto che il sistema delle navette e il concentramento dei bus turistici fuori dalla città sarà utilizzato anche negli anni a venire, perché con l’aumento dei flussi di spettatori per il Mandorlo è l’unico modo per evitare quanto accaduto lo scorso anno, cioè – conclude Firetto – una città invasa e il traffico totalmente paralizzato”.

Stando ai numeri di primi sbigliettamenti, i passeggeri trasportati sarebbero stati non meno di 29.700, a fronte di una previsione di soli 12/13mila. Un numero probabilmente non atteso, scrive La Sicilia, che ha spinto a collocare una sola biglietteria per punto di raccolta creando, è innegabile, un “effetto imbuto”.

Intanto su internet le feroci proteste dei cittadini

Posted by Massimiliano Papa on Sunday, March 10, 2019