Lo sbarco di migranti dalla Open Arms. Salvini: “Non c’era allarme sanitario. Io non mollo”

Dopo il sequestro della Open Arms, e l’evacuazione dei migranti, fatti sbarcare a Lampedusa, il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, non ci sta. “Il sequestro impone lo sbarco degli immigrati – dice -, ricordo che non c’era allarme sanitario, finti malati e finti minorenni. Qualcuno si sta portando avanti già nel nome del governo dell’inciucio, che vuole riaprire i porti. Finché campo è mio dovere difendere i confini e la sovranità del Paese – e ancora -. Molto probabilmente mi arriverà una denuncia dalla stessa Procura, che mi indagò per sequestro di persona (caso Diciotti), reato che prevede 15 anni di carcere: stavolta il reato è omissione di atti d’ufficio. Io non mollo”.