La Fortitudo si inceppa: al PalaMoncada vince Pavia 61-69

Dopo lo stop di Piacenza, la Fortitudo Agrigento cade anche in casa cedendo alla Riso Scotti-Punto Edile Pavia con il punteggio di 61 a 69. Agrigento paga le polveri bagnate di tutta la squadra dall’arco (4/25) e di alcuni uomini-chiave ma, in generale, la fase offensiva pare non essere performante come nella prima parte di campionato. Sul versante opposto, Pavia trova la terza vittoria stagionale in Sicilia e consolida il proprio piazzamento in chiave playoff. Classico starting five di coach Catalani con Grande, Saccaggi, Veronesi, Chiarastella e Rotondo; coach Di Bella risponde con Piazza, Donadoni, Nasello, Torgano, Rossi. Buon avvio della Fortitudo che, sfruttando il buon lavoro di Veronesi e Chiarastella, trova il primo allungo (+7) che costringe coach Di Bella al time-out; sul versante opposto, Pavia prova a ricucire grazie a qualche buona iniziativa di Piazza e Torgano. Nella seconda frazione i biancazzurri si scatenano: è ancora Chiarastella a firmare il break del +12, anche grazie ad un’ottima difesa sempre pronta a raddoppiare sugli esterni avversari che non trovano la via del canestro; gli ospiti, tuttavia, non si perdono d’animo e si rifanno sotto in chiusura di frazione grazie ad una tripla di Dessì e ai primi punti di Donadoni e, alla seconda sirena, inseguono a 4 lunghezze: 35 – 31 il punteggio. Al rientro si va avanti a strappi: Agrigento prova nuovamente ad allungare (39 – 31), ma Pavia la riaggancia a quota 39. A questo punto del match, la compagine di coach Di Bella comincia a macinare gioco mettendo il muso avanti grazie alla vena realizzativa di Torgano ben coadiuvato da Donadoni che realizza il 48 a 42 con cui si chiude la terza frazione. Nell’ultima frazione i biancazzurri provano a reagire trovando il pareggio a quota 48 con Costi e un nuovo vantaggio grazie a Ragagnin (50 – 48). Gli ospiti, tuttavia, non  mollano e con Piazza si riportano avanti (53 – 50). Di fatto non succede più nulla: Agrigento finisce la benzina e Pavia festeggia. Il calendario non concede tregua: sabato, nell’anticipo della 7ᵃ giornata, i biancazzurri saranno impegnati a Piadena.

Moncada Energy Group Agrigento – Riso Scotti-Punto Edile Pavia 61-69 (17-14, 18-17, 7-17, 19-21)
Moncada Energy Group Agrigento: Albano Chiarastella 13 (4/9, 1/2), Andrea Saccaggi 11 (5/8, 0/8), Alessandro Grande 10 (3/7, 1/7), Paolo Rotondo 9 (4/11, 0/0), Giovanni Veronesi 8 (1/4, 2/7), Cosimo Costi 5 (2/2, 0/0), Giovanni Ragagnin 3 (1/1, 0/1), Mait Peterson 2 (0/0, 0/0), Giuseppe Cuffaro 0 (0/0, 0/0), Nicolas Mayer 0 (0/0, 0/0), Umberto Indelicato 0 (0/0, 0/0), Tartaglia Andrea 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 9 / 15 – Rimbalzi: 35 14 + 21 (Albano Chiarastella 14) – Assist: 11 (Alessandro Grande 4)
Riso Scotti-Punto Edile Pavia: Marco Torgano 16 (3/5, 3/8), Alessio Donadoni 16 (6/15, 1/2), Andrea Piazza 14 (3/5, 2/3), Ferdinando Nasello 8 (4/7, 0/1), Alberto Apuzzo 7 (2/2, 1/2), Lorenzo D’alessandro 3 (0/0, 1/2), Nicholas Dessì 3 (0/0, 1/2), Emanuele Rossi 2 (1/2, 0/0), Manuel Saladini 0 (0/0, 0/3), Matteo Ciocca 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 4 / 6 – Rimbalzi: 31 3 + 28 (Ferdinando Nasello 9) – Assist: 16 (Andrea Piazza 6)
Agrigento VS Pavia 35-31 alla pausa