Inferno di fuoco, distrutto deposito di pesce

E’ stato devastato da un incendio un magazzino, adibito a deposito di prodotti ittici, nella zona del molo, nell’area portuale di Porto Empedoclino. Difficile stabilire le cause del rogo, e tutte le ipotesi restano valide, dall’atto doloso al fatto accidentale. Si tratta di un deposito di prodotti ittici, dismesso, che avrebbe dovuto così come tutti gli altri presenti in via Molo, essere abbattuto. Anche se qualcuno avrebbe continuato a utilizzarlo.

Delle indagini si stanno occupando i poliziotti della squadra Mobile di Agrigento, e i loro colleghi del Commissariato “Frontiera” di Porto Empedocle. Le fiamme si sono sviluppate, ieri notte, verso le 4 circa, quando alcuni pescatori hanno lanciato l’allarme al centralino del 112. Sul posto due squadre dei vigili del fuoco del Comando provinciale di Agrigento, i primi ad arrivare sul posto, poi è stato i turno dei poliziotti della sezione Volanti della Questura.

L’opera di spegnimento è durata circa 4 ore. Il fuoco ha carbonizzato ogni cosa: materiali, cassette di pesce, e fatto crollare anche alcuni solai.  In mattinata, mentre gli agenti della Scientifica erano al lavoro nel magazzino devastato dal rogo, si sono accorti di un altro focolaio anche nel dismesso magazzino attiguo. In questo caso, l’intervento tempestivo dei pompieri, ha evitato il peggio.