“Il vaccino animale” – Quando Girgenti dopo l’Unità d’Italia fu colpita dal vaiolo

Riflessioni sulle epidemie del passato attraverso i documenti degli istituti archivistici

Archivio di Stato di Agrigento  “Il vaccino animale – Epidemia di vaiolo nel circondario di Girgenti dopo l’Unità d’Italia”

(a cura di Rossana Florio – Direttore Archivio di Stato di Agrigento)

Nel 2020, in occasione della Domenica di Carta, la Direzione Generale Archivi ha scelto come tema comune per la manifestazione le testimonianze archivistiche sulle epidemie del passato. 

I contributi degli istituti archivistici, che hanno aderito all’iniziativa, sono confluiti in una recente pubblicazione a cura della DGA, dal titolo “Epidemie e antichi rimedi tra le carte d’archivio” – Roma 2021. Il volume riporta anche il contributo dell’Archivio di Stato di Agrigento che, in occasione della Domenica di Carta 2020, ha proposto un percorso culturale incentrato sulla memoria storica delle emergenze sanitarie e dedicato all’epidemia di vaiolo nel circondario di Girgenti nel primo decennio subito dopo l’Unità d’Italia. I documenti oggetto della mostra “Il vaccino animale – Epidemia di vaiolo nel circondario di Girgenti dopo l’Unità d’Italia” attraverso dati statistici, mappe delle vaccinazioni e corrispondenza sulle sperimentazioni operate e sul dibattito scientifico tra l’antico e il nuovo sistema di vaccinazione, invitano alla riflessione sulle politiche adottate per il contenimento dell’emergenza epidemiologica e offrono l’occasione per valutare con maggiore consapevolezza i tempi attuali.  

La parola “vaccino”, oggi di uso comune, è storicamente legata alla malattia infettiva del vaiolo e al medico britannico Edward Jenner, che nel 1798 utilizzò il termine, per la prima volta, per indicare il processo di inoculazione nell’uomo, ai fini dell’immunizzazione, del materiale ottenuto dalle pustole di bovini ammalati di vaiolo bovino. I documenti dell’Archivio di Stato di Agrigento, provenienti dal fondo Intendenza e atti della Prefettura (1827-1887), rivelano l’importanza delle fonti archivistiche quali testimonianze delle emergenze sanitarie del passato e delle politiche attuate a livello nazionale e a livello locale. Tra la documentazione sanitaria attestata nel fondo, quella relativa all’epidemia di vaiolo nel circondario di Girgenti richiama l’attenzione soprattutto sull’ importante scoperta scientifica ad essa associata, il vaccino, e consente di estendere lo sguardo nel più vasto orizzonte nazionale e internazionale legato alla pratica della vaccinazione, con riferimento ai progressi scientifici e alle scoperte mediche che hanno contribuito, nel tempo, a migliorare le condizioni di vita delle popolazioni. 

Il volume “Epidemie e antichi rimedi tra le carte d’archivio” – Roma 2021 è consultabile all’indirizzo https://bit.ly/3enxpRO e sulla pagina FB dell’Archivio di Stato di Agrigento all’indirizzo https://www.facebook.com/archiviodistatoagrigento