Lampedusa, il presidente del Consiglio comunale lascia la maggioranza e aderisce alla lega di Salvini

È stato durante un consiglio comunale che si è svolto questa mattina sulla più grande delle Pelagie che il presidente del consiglio ha ufficializzato le sue posizioni . Davide Masia ha dapprima dichiarato di essere entrato a fare parte del partito di Matteo Salvini e subito dopo, ha dichiarato la sua indipendenza dalla maggioranza. “È stata una decisione presa dopo attente valutazioni – ha spiegato Davide Masia – con questa mia presa di posizione non intendo dichiarare guerra a nessuno. Non vado in opposizione ma rimango fuori da questa maggioranza. Non intendo creare problemi alla amministrazione comunale o al sindaco ma io politicamente credo di essere molto lontano da Totó Martello che notoriamente e storicamente è di sinistra. La nostra lista era una lista civica e quindi è normale che possano esserci anime diverse al suo interno. Per come ho sempre fatto da quando sono stato nominato presidente del consiglio, continuerò a votare in base alla mia coscienza rimanendo al di sopra delle parti e nel rispetto dei cittadini che mi fecero risultare essere il più votato. Lampedusa ha bisogno di molte cose e i problemi sono enormi e io sono dell’ avviso che c’è bisogno di una politica più dinamica e più vicina alla gente . Ringrazio il coordinatore regionale della lega Minardo e poi Giambrone e Fontana per come mi hanno indirizzato e seguito in questi mesi durante i quali ho maturato le mie decisioni ”. Davide Masia quindi, non dichiara guerra alla amministrazione retta dal sindaco Martello anche se politicamente parlando, è comunque un allontanamento dalla squadra che da oltre quattro anni, sta lavorando per Lampedusa e Linosa.

Elio Desiderio

Nella foto il presidente del consiglio comunale, Davide Masia