Il Cast di “Viva la gente” è arrivato in città: Il benvenuto del Sindaco. VIDEO

Porte aperte a Palazzo dei Giganti per i 112 giovani artisti di “Viva la gente” arrivati da ogni parte del globo per presentare il loro musical sui temi del dialogo,dell’amicizia e dell’accoglienza. Viva la Gente è un’organizzazione mondiale educativa che permette ai giovani di diventare artefici positivi del cambiamento nelle loro comunità e nel mondo. Attraverso la nostra combinazione unica di musica, azione sociale e viaggi in tutto il mondo, abbiamo un impatto positivo sulle comunità e al contempo forniamo ai giovani le conoscenze e le esperienze di cui hanno bisogno per affrontare il complesso ambiente globale attuale. Da più di 50 anni Viva la Gente abbatte le barriere culturali e migliora la comprensione per favorire la creazione di un mondo più speranzoso, fiducioso e pacifico. Il loro obiettivo quello di incoraggiare i giovani a diventare protagonisti di crescita positiva di speranza e di lavoro per sviluppare un futuro di pace, unità e umanità e si basa su alcuni elementi fondamentali, tra i quali: accrescere i sentimenti di comprensione, rispetto e dignità per tutti, abbattere le barriere delle differenze di qualsiasi genere, coinvolgere le comunità visitate a lavorare insieme per creare unità e sviluppare fiducia e compassione, responsabilizzare i giovani a diventare agenti di cambiamenti in positivo, realizzare un network internazionale di cittadinanza globale nel rispetto di tutte le differenze culturali.

L’ organizzazione è stata accolta oggi dal sindaco Lillo Firetto che ha cantato assieme a loro il celebre brano che da 54 anni viene portato in giro per il mondo. Gli artisti hanno ricevuto il welcome ufficiale durante l’incontro svoltosi nel foyer del teatro, lo stesso Teatro Pirandello che li accogliera’ nei vari spettacoli in programma il 30 Ottobre e il 2 Novembre.

“Con la ventata di freschezza di quest giovani – ha detto il sindaco Lillo Firetto – si aprono di fatto le iniziative per festeggiare i 2600 anni di storia della città dalla sua fondazione”. Durante la permanenza ad Agrigento questi giovani, che vengono ospitati da famiglie agrigentine, collaboreranno in progetti socio-culturali per la città e presenteranno il loro musical che è un inno alla vita e alla fratellanza tra popoli diversi”.



In questo articolo: