Furto in abitazione, ladro incastrato dalla tracce di sangue

All’atto del sopralluogo di furto i poliziotti avevano accertato che il malvivente nell’intrufolarsi si era ferito lasciando tracce di sangue. Il profilo del Dna ricavato è risultato riconducibile all’autore. E’ successo a Canicattì, dove il furto si era consumato un po’ di mesi fa.

Le indagini dei poliziotti del Commissariato di Canicattì, e gli accertamenti degli esperti della polizia Scientifica, hanno consentito la denuncia del malvivente, un ventenne di nazionalità rumena, domiciliato a Canicattì, denunciato a piede libero, alla Procura della Repubblica di Agrigento, per l’ipotesi di reato di furto aggravato.

Benché feritosi durante l’azione criminale, il giovane era riuscito a portare a compimento il furto, impossessandosi di oggetti di valore, e a darsi alla fuga certo di essersi assicurato bottino e impunità. La svolta investigativa grazie all’eccezionale connubio tra le indagini tradizionali condotte dai poliziotti e quelle di laboratorio del Gabinetto della Scientifica.