Supercoppa LNP 2021: Fortitudo a valanga su Ragusa (FOTO)

La Fortitudo adesso dovrà sfidare Salerno. 

di Michele Bellavia

Secondo turno di Supercoppa per la Fortitudo Agrigento che, al PalaMoncada, nello scontro diretto che vale la qualificazione alla finale del girone E, batte la Virtus KlebRagusa 88 a 71. I biancazzurri, imbattuti, questa domenica – in gara secca al PalaMoncada – sfideranno la Virtus Arechi Salerno per staccare il pass delle Final Eight che si giocheranno, dal 24-25-26 settembre,a Lignano Sabbiadoro.  

La squadra di Catalani fa sua la posta con merito giocando un’eccellente pallacanestro, nonostante le pesanti assenze di Cuffaro, Bruno e Mayer;straordinaria prestazione di CosimoCosti autore di 30 punti, ma brillano anche Chiarastella con la doppia-doppia da 17 punti e 16 rimbalzi, Grande con 12 e Morici anche lui in doppia-doppia da 11 punti e 10 rimbalzi. Sul versante opposto, c’era una formazione coriacea come la Virtus Kleb che è rimasta in partitasolamente nel primo quarto, salvo arrendersi alla distanza dinanzi al tasso tecnico dei padroni di casa; per i biancoblù Sorrentino è autore di 18punti seguito da Da Campo con 15. Lostarting five di coach Catalani si presenta con Grande, Bellavia, Costi,Chiarastella e Lo Biondo; coachBocchino risponde con Ianelli, Da Campo, Sorrentino, Simon e Rotondo.

Dopo un primo quarto in sostanziale equilibrio chiuso da Agrigento con un possesso di vantaggio (23-20), il secondo periodo è letteralmentespaccato dai biancazzurri: il duoCostiChiarastella è scatenato (16 punti il primo e 13 il secondoall’intervallo), circostanza che assicura il massimo vantaggio (+19).Ragusa si aggrappa agli spunti di Ianelli, Da Campo e ai guizzi dello shooter Sorrentino, ma ogni velleità viene rispedita al mittente e Agrigento va al riposo sul velluto (54-37). Al rientro, Ragusa comincia a carburare, prova a risalire la corrente ma non riesce a rompere il ritmo dei padroni di casa che non perdono il filo del gioco e riallungano nuovamente (71-58). L’ultimo periodo è pura accademia, succede ben poco e sul derby calano i titoli di coda del match che fissano il punteggio di 88 a 71.

Ragusa al tappeto, Agrigento va in finale. Il commento di coach Catalani (VIDEO)

Moncada Energy Agrigento – Virtus Kleb Ragusa 88-71 (23-20, 31-17, 17-21, 17-13)
Moncada Energy Agrigento: Cosimo Costi 30 (8/12, 3/3), Albano Chiarastella 17 (4/6, 1/2), Alessandro Grande 12 (4/8, 1/9), Nicolas Morici 11 (3/9, 1/3), Andrea Lo biondo 6 (3/3, 0/4), Umberto Indelicato 5 (1/2, 1/2), Mait Peterson 5 (1/2, 0/0), Luca Bellavia 2 (1/2, 0/0), Sadio soumalia Traore 0 (0/0, 0/0), Nicolas Mayer 0 (0/0, 0/0), Giuseppe Cuffaro 0 (0/0, 0/0), Santiago Bruno 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 17 / 19 – Rimbalzi: 41 13 + 28 (Albano Chiarastella 16) – Assist: 17 (Alessandro Grande 6)
Virtus Kleb Ragusa: Andrea Sorrentino 18 (2/7, 4/9), Mattia Da campo 15 (4/7, 1/2), Giovanni Ianelli 10 (4/9, 0/4), Roberto Chessari 9 (1/5, 2/3), Paolo Rotondo 8 (4/8, 0/0), Giorgio Canzonieri 4 (2/3, 0/3), Giulio Smiraglia 4 (0/0, 1/1), Simon Ugochukwu andrew 3 (0/0, 1/1), Tommaso Incremona 0 (0/0, 0/1), Andrea Picarelli 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 10 / 15 – Rimbalzi: 28 7 + 21 (Paolo Rotondo 11) – Assist: 13 (Giovanni Ianelli 5)