Falsi rapporti di lavoro per ottenere il permesso di soggiorno: chiesti 5 rinvii a giudizio

Il pubblico ministero Elenia Manno ha chiesto il rinvio a giudizio di tre senegalesi e due marocchini, domiciliati ad Agrigento coinvolti nell’inchiesta “Illegal Stay”, che avrebbe disarticolato una presunta organizzazione che consentiva agli stranieri di ottenere permessi di soggiorno, attraverso false documentazioni, e inesistenti rapporti di lavoro

A decidere, all’udienza del 7 febbraio sarà il giudice del Tribunale di Agrigento Stefano Zammuto. I difensori degli indagati, gli avvocati Riccardo Gueli, Roberto Majorini, Giacomo La Russa, Roberta Agozzino, Gisella Spataro e Salvatore Butera, potranno scegliere anche l’abbreviato o il patteggiamento.

In un altro filone dell’inchiesta sono coinvolti i responsabili della comunità senegalese in città, e i titolari di un patronato.