Elezioni e referendum, seggi aperti: si vota fino alle 23

Aperti alle ore 7, e lo resteranno fino alle 23, i seggi per le elezioni comunali in 10 Comuni agrigentini. Sono 114.361 gli aventi diritto al voto. Ma si vota anche per il referendum sulla giustizia, e sono chiamati alle urne tutti gli agrigentini, aventi diritto al voto. Per il sindaco e il rinnovo del Consiglio comunale si vota a Campobello di Licata (10.568), Bivona (3.820), Cattolica Eraclea (7.075), Comitini (1.790), Sciacca (35.605 elettori), Palma di Montechiaro (26.984), Aragona (15.072), Lampedusa e Linosa (5.499), Santa Margherita Belice (6.536), e Villafranca Sicula (1.412). Lo spoglio. Alla chiusura delle operazioni di voto, si procederà con lo spoglio delle schede dei cinque referendum sulla giustizia, mentre quello relativo alle amministrative inizierà lunedì 13 giugno, a partire dalle 14.

A Sciacca a contendersi la poltrona di sindaco sono: Matteo Mangiacavallo, Ignazio Messina e Fabio Termine.
A Palma di Montechiaro in corsa l’uscente Stefano Castellino, Salvatore Manganello e Giuseppe Morgana.
A Campobello di Licata per il dopo Gianni Picone ci sono ben 5 candidati sindaco: Angelo La Greca, Andrea Mariani, Antonio Pitruzzella, Michele Termini e Vito Terrana.
Ad Aragona sfida a due tra Dino Buscemi, e il sindaco uscente Giuseppe Pendolino.
A Bivona si sfidano per la poltrona di sindaco Carola Calafiore, e l’uscente Milko Cinà.
A Cattolica Eraclea sfida a due tra il sindaco uscente Santino Borsellino, e lo sfidante Paolo Enzo Cammalleri.
A Comitini i candidati a sindaco sono Gerlando Cuffaro, e Luigi Nigrelli.
A Lampedusa e Linosa sono due i candidati a sindaco: Filippo Mannino, e l’uscente Totò Martello.
A Santa Margherita Belìce si contendono la poltrona di sindaco Giacomo Abruzzo, e Gaspare Viola.
A Villafranca Sicula la sfida è tra il sindaco uscente Domenico Balsamo, e Gaetano Bruccoleri.