Democrazia partecipata: lo sportello Ascolto sarà dedicato a Marcella Sciascia

PORTO EMPEDOCLE. Il Consiglio Comunale di Porto Empedocle, presieduto da Marilù Caci, quest’anno, per la prima volta, dopo aver valutato attentamente le manifestazioni d’interesse pervenute, ha deliberato, all’unanimità, di assegnare le somme erogate dalla Regione Siciliana, a titolo di Democrazia Partecipata, per l’anno 2020, alla proposta presentata dalla Società Cooperativa “Rinascita”, che ormai da diversi anni opera nel territorio empedoclino offrendo servizi socio-assistenziali. Il progetto ha trovato l’unanime riscontro dei consiglieri anche in considerazione della prevista apertura di uno sportello “ Ascolto Famiglia” in memoria dell’unica Assistente Sociale che operava nel Comune Empedoclino prima della sua prematura scomparsa: Marcella Sciascia, una donna che svolgeva egregiamente la sua professione e dotata di grande umanità.  Il 25 novembre “ Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne”, è una data perfetta per l’apertura di questo Sportello, perché darà voce a tante donne che vivono l’inferno della violenza intrafamiliare, personale, psicologica, economica e che spesso non hanno il coraggio di denunciare. Marcella Sciascia ha ascoltato, difeso, aiutato e tutelato tante donne, in gravi difficoltà. E’ per questo che si vuole resti memoria della sua unicità all’interno dello Sportello, “Ascolto Famiglia” fondato dalla Cooperativa Rinascita.Da oggi, con l’apertura di questo sportello, occorre far veicolare, più forte che mai, l’importanza di esternare, fuori le mura domestiche, molte problematiche sottaciute per vergogna o per dignità.

MARCELLA SCIASCIA