Civilleri show: il Licata stende il Paternò

LICATA. Marco Civilleri si “sblocca” e realizza il suo primo gol con la maglia del Licata. E che gol, di pregevole fattura e molto bello. Pesante ai fini del risultato perché vale tre punti d’oro per i gialloblù che così fanno loro il derby siciliano col Paternò.

Cannavò sbaglia un rigore che lui stesso si era procurato, mentre capitan Maltese si conferma una garanzia assoluta in difesa, salvando per ben due volte sulla linea.

La fotografia del recupero della quarta giornata del campionato di serie D racconta di un Civilleri in gran forma. E a dare man forte al numero 8 del Licata ci ha pensato un canicattinese, Totò Treppiedi, da poco arrivato alla corte di mister Campanella, che con le sue caratteristiche aiuta molto il palermitano Civilleri nella manovra a centrocampo.

La cronaca: al primo minuto, Maltese innesca Rossitto che ci prova dalla destra, conclusione alta. Subito ammonito Brunetti per un brutto fallo su Santapaola. Al 4’ l’episodio che avrebbe potuto cambiare il volto alla gara: Treppiedi serve Cannavò in area, il bomber si gira e viene steso. L’arbitro, il toscano Borriello è molto vicino e senza esitare indica il dischetto. Dagli undici metri, però Cannavò sbaglia clamorosamente anche se il tiro si spegne di poco a lato.

Campanella incita dalla panchina: non è successo nulla, c’è tutto il tempo. Ma all’8’ il Paternò si rende pericoloso con Triglio che di testa, servito da Cozza da calcio d’angolo, mette i brividi alla difesa gialloblù. Al 22’ un bel gesto tecnico di Maltese che di spalle, braccato da Dall’Oglio si libera della sfera con una elegante rovesciata.

Al 28’ Treppiedi manca l’appuntamento col gol. Maltese, al 33’ si rifugia in angolo su conclusione di Di Stefano. Secondo tempo. Si fa vedere subito Cannavò, in cerca di riscatto, bel tiro ma alto. Si innesca una rissa sulla fascia, ne fanno le spese Mazzamuto e Cozza, ammoniti. La svolta al 21’: Civilleri al volo servito da Catalano gonfia la rete.

Al 24’ salvataggio sulla linea di Maltese. Tre minuti più tardi Treppiedi, gran botta, il portiere Cavalli “vola” e si salva in corner. Dall’altra parte anche Di Carlo si supera: piatto di Di Stefano e gran parata del numero uno gialloblù. Nel finale il Licata soffre la profondità dei catanesi e Maltese toglie dall’impiccio una palla destinata a superare la linea di porta. Finisce dopo 4 minuti di recupero con il Licata in festa.

IL TABELLINO

Licata    1

Paternò 0

Marcatore: st 21’ Civilleri.

Licata: (4-3-3): Di Carlo (6,5), Mazzamuto (6), Brunetti (5,5), Frisenna (5), Maltese (7), Guarino (6), Rossito (6) (8’ st Napolitano (6,5), Civilleri (7), Cannavò (6), Catalano (6), (26’ st Cappello) (6), Treppiedi (6,5) (39’ st Camaho) (5,5).

A disp.: Moschella, Battimili, Greco, La Spada, P. Santapaola, Di Grazia. All.: Campanella.

Paternò: (4-3-2-1): Cavalli (6,5), Guarnera (5) (20’ st Maiorano) (5), Mazzotti (5), Triglio (6) (24’ st Scapellato) (6), La Piana (6) (10’ st Khoris) (5,5), Cozza (6), Di Stefano (6) (47’ st Ferraguto) (S.v.), Raia (5) (36’ pt Bontempo (6), Dall’Oglio (6,5), Puglisi (6), G. Santapaola (6). A disp.: Salluzzo, Barbaro, Sprovieri, Fazio. All.: Catalano.

Arbitro: Borriello di Arezzo (Assistenti Carbone – Aosta e Leonardi – Ostia Lido).