Brucia la provincia, danneggiate auto, case e giardini

Gli ultimi giorni sono stati un inferno sul fronte degli incendi tra Agrigento e provincia. Numerosi gli interventi dei vigili del fuoco. Roghi, che hanno interessato zone collinari e boschive, di campagna, e in alcuni casi aree abitate. Uno dei più estesi in contrada “Ciccione”, a Cianciana, dove s’è sviluppato un incendio da un terreno di erba secca, e le fiamme si sono propagate, ed hanno danneggiato il tetto di un’abitazione rurale, di proprietà di una pensionata sessantasettenne e, due autovetture che erano state lasciate davanti la residenza. I carabinieri della Stazione di Cianciana, hanno informato la Procura della Repubblica ed è stato, come sempre avviene, aperto un fascicolo d’inchiesta. La natura delle fiamme, originate dalle sterpaglie, non è risultata essere chiara. L’ipotesi investigativa privilegiata è quella dolosa.

Negli ultimi giorni, complice anche le elevate temperature, a qualsiasi ora del giorno e della notte, è un continuo ripetersi di interventi. I pompieri, e il personale della Forestale, anche durante tutta la giornata di ieri, sono stati impegnati in decine e decine di incendi di sterpaglie, e di boschi. Uno dei più estesi a Maddalusa, a pochi passi dal mare. Qui è intervenuto anche un elicottero. Le fiamme hanno danneggiato i giardini di due villette. In fumo decine di alberi. Altro rogo a pochi passi dalla Valle dei Templi. Gli agenti della polizia Stradale, in questo caso, hanno chiuso la statale 640, completamente invasa dal fumo.