Aveva una pistola con matricola punzonata: arrestato

Nascondeva nella sua casa di campagna una pistola a tamburo, con matricola punzonata, con all’interno tre proiettili. Un operaio sessantaseienne di Licata è stato arrestato, dai carabinieri della Compagnia licatese, per l’ipotesi di reato di detenzione illegale di arma clandestina, e relativo munizionamento. L’arresto è stato già convalidato dal Gip del Tribunale di Agrigento, che ha disposto a carico dell’indagato la custodia cautelare ai domiciliari.

Tutto quanto nel corso di una perquisizione domiciliare in casa del sessantaseienne. Perquisizione che ha dato esito negativo. Le verifiche si sono estese anche alla casa di campagna, in territorio di Butera. Ed è proprio in quel posto, che è stata trovata la pistola.

L’uomo è stato, naturalmente, arrestato in flagranza di reato e l’arma è stata sequestrata. L’arma adesso sarà inviata ai laboratori del Ris di Messina per essere sottoposta alle verifiche di rito, per stabilire la provenienza, ma anche e soprattutto se è stata o meno utilizzata in episodi delinquenziali.