Assemblea Regionale scontenta sulla discussione della manovra di bilancio – VIDEO

Ha lasciato scontenti quasi tutti i partiti l’accordo raggiunto in extremis nell’aula dell’

Assemblea Regionale sulla discussione della manovra di bilancio. 

 

Si profilano tempi lunghi per l’approvazione: ci sarà tempo fino a domani per presentare  gli emendamenti e da martedì inizierà la lunga e faticosa discussione. 

Un emendamento dell’opposizione ha prolungato fino al 31 marzo l’esercizio provvisorio, dando più tempo all’Ars per la legge di stabilità. Abbiamo cercato di portare a casa una manovra che servirà ai siciliani per iniziare il nuovo anno e per coprire le spettanze del 2019 ha dichiarato il presidente della commissione, Riccardo Savona.

La commissione Bilancio ha rimandato al voto dell’Ars il trasferimento del mutuo del sistema sanitario nelle voci del bilancio regionale. 

C’è il finanziamento da 250mila euro per la commissione Via-Vas e quello per i consorzi di bonifica. 

I deputati grillini attaccano Musumeci per la proposta di tagliare  un milione di euro al fondo regionale per le ex province per coprire una spesa della Città Metropolitana di Catania. Se è intenzione di Musumeci salvare i conti del suo territorio, lo faccia creando una riserva apposita sulla città metropolitana di Catania e non incida sui bilanci delle altre ex province. Abbiamo voluto salvare gli stipendi dei dipendenti, ma ci siamo opposti al resto.  

Previsto e approvato in commissione il fondo di compensazione per gli stipendi di una serie di enti, associazioni, teatri che aspettavano parte delle retribuzioni del 2019. Previsti 4,4 milioni per ex Pip, Lsu, Resais, cantieri di servizio ed emolumenti aggiuntivi per i carabinieri. 

Il disegno di legge – dichiara il Presidente della commissione bilancio Riccardo Savona garantisce i fondi per tutto il 2020 per i teatri siciliani ed i Consorzi di Bonifica, l’Esa e i forestali.