Ambiente, Lega, “Basta con le discariche, sì alla valorizzazione anche energetica dei rifiuti”

“La letterina da maestrina dalla penna rossa scritta dal ministro Costa aI presidente Musumeci è irritante e fastidiosa. A differenza del ministro ‘tecnico’ catapultato sulla poltrona, il governatore della Sicilia è stato eletto direttamente dai cittadini, sa cosa sia meglio per il suo territorio, sa cosa fare per superare le criticità annose e incancrenite che si è trovato dopo anni di inerzia e malaffare nel settore rifiuti.

L’economia circolare è il futuro: chi crede nella sfida virtuosa dell’economia circolare sa che il ciclo si chiude anche con la termovalorizzazione. Chi oggi riabilita le discariche dimostra tutta la confusione di una posizione puramente ideologica. I mirabili risultati dell’utopia rifiuti zero dei 5 Stelle sono sotto gli occhi, ogni giorno, dei romani, amministrati dalla Raggi.

Se Costa vuole suggerire a Musumeci il modello Raggi, visto che ha da poco nominato direttore generale per i rifiuti lo stesso direttore del Comune di Roma, siamo seriamente preoccupati per i siciliani. Siamo certi che la Regione Sicilia farà un aeroplanino di carta delle letterine di Costa. È assurdo che il ministro voglia impedire ai siciliani di trasformare i propri rifiuti in energia, mentre nella Toscana del Pd non si pone lo stesso problema temendo l’ira dell’alleato di governo”. Lo dichiarano in una nota congiunta la deputata della Lega e responsabile nazionale Ambiente Vannia Gava e il responsabile regionale Ambiente in Sicilia Massimiliano Rosselli.