Al CalaManbrù una serata dedicata agli emigrati con la Grande orchestra sud

La musica è passione, memoria, cultura popolare, radicamento, attaccamento alla propria terra. Già da prima dell’apertura di CalaManbrù, la direzione della nuova start up di Siculiana Marina ha un chiodo fisso: dedicare una serata con musica siciliana agli emigrati che in questo periodo dell’anno fanno ritorno “a casa”. Detto fatto. La direzione di CalaManbrù organizza una serata di tradizioni popolari rivolta a tutti coloro che vogliono rivivere le origini, a tutti coloro che vivono all’estero, alla vecchia e nuova generazione. Il prossimo 11 agosto appuntamento alle 21.30 con la “Grande sud orchestra” che farà rivivere la tradizione musicale del Sud Italia insieme ai sapori gastronomici proposti per la serata. Per l’occasione CalaManbrù propone rosticceria siciliana.

Suoni magici, evocativi. Friscalettu, fisarmonica, chitarre, mandolini, tamburi. Suoni che si traducono in una gestualità espressiva, in ballate che esprimono le tradizioni musicali del Sud. Andrea Vita, uno dei proprietari di CalaMambrù, vorrebbe far diventare l’evento un appuntamento annuale, una sorta di festa dell’ emigrato. Grande Sud Orchestra è composta da un cast di musicisti che mettono insieme il loro babaglio musicale per un progetto di ampio respiro regionale e nazionale destinato a promuovere il Paese. Una sfida ambiziosa, ideata da Giovanni Di Maida e Lello Casesa che mette in scena, la presenza di Cristina Mazzacaro, straordinaria interprete della cultura Napoletana e la direzione musicale di Mimmo Pontillo. Il cast di artisti è formato, inoltre, da Peppe Sciortino, Mario Vasile, Nino Casesa, Giuseppe Sirena, Rino Boccadoro, Elia Pontillo, e la voce di Alessandra Di Maida.

Per info e prenotazione: 0922824256