A2, Seap Dalli Cardillo il cuore non basta, Marsala è troppo forte

Non è bastata una Seap Dalli Cardillo in crescita per fermare la Sigel Marsala al PalaMoncada. Vincono in quattro set le trapanesi che così si involano in testa, solitarie, nella classifica del girone A della serie A2. Il sestetto di partenza presentato dai due allenatori è quello proprio della formazione tipo: Micoli va con Caracuta in regia, opposta Stival, sulle bande Moneta e Dzakovic, centrali Negri e Cometti, libero Vittorio. Risponde Delmati con Scacchetti ad alzare, opposto la pantera Akuabata Felisa Okenwa,, schiacciatrici laterali Panucci e Pistolesi, centrali Parini e Caserta, libero Gamba. Nel primo parziale dopo un inizio equilibrato (4-4) le ragazze di Marsala strappano prima sul 8-5, poi 16-12, approfittando del fatto che le ragazze agrigentine sono scese in campo troppo contratte. Nei loro volti traspariva tanta tensione e concentrazione, non c’era un solo volto sorridente nel primo set neppure a cercarlo in tutto il roster. Probabilmente hanno finito per attribuire un’importanza esagerata a questo derby, considerato che siamo solo alla seconda giornata di un campionato lungo, che emetterà le sue sentenze soltanto a primavera inoltrata. Di tutto questo ne ha tratto beneficio Marsala che allungando ancora sul 21-16 chiudevano poi sul 25-22 portando a casa un set mai veramente in discussione. Il secondo set ha inizio sembrando la perfetta fotocopia del primo, break iniziale di Marsala fino all’ 8-5, ma qui finalmente le ragazze di casa si vanno sciogliendo, guidate da una ritrovata Dzakovic, autrice di una prova molto più convincente rispetto a quella di domenica scorsa ad Olbia (alla fine saranno ben 21 i punti messi a referto dalla montenegrina), e si rifanno sotto sino al 16-16. Ma quando la contesa diventa incerta la palleggiatrice ospite, la brava Scacchetti, sa di poter contare su un terminale dal sicuro rendimento, la californiana Okenwa, atleta di categoria superiore, in grado di schiacciare da altezze impossibili. E così Marsala vincendo una serie di scambi combattuti, piazza lìallungo decisivo che la porta prima sul 21-17 e poi controlla agevolmente sino a 25-21 che vale il 2-0. Il terzo set riparte sulla falsa riga dei primi due, solito allungo della Sigel per 8-5, con partita che sembra in pieno controllo sia tatticamente che come punteggio, quando improvvisamente l’orgoglio delle ragazze di casa diventa un fattore. Si moltiplicano le difese, migliora sensibilmente la percentuale in attacco e Aragona si riporta 14-16. Altro scatto ospite sino al 14-18, ma poi resta in campo solo la Seap, che complice un turno in battuta infinito del capitano Serena Moneta rimette la testa avanti 21-19 per vincere il set 25-23 grazie ad un attacco della Dzakovice e riaprire così la partita. Ma è solo un’illusione, partenza del quarto set esattamente come quella delle altre tre frazioni precedenti, scatto Marsala 8-5 che così comanda nel punteggio sin da subito evitando di cadere nella possibile sindrome da rimonta. Ulteriore allungo 16-11 prima e 21-16 dopo. C’è spazio ancora per un tentativo disperato di rimonta Seap, ma al secondo matchball la Okenwa mette la palla a terra e Marsala conquista meritatamente i 3 punti in palio. Migliore in campo l’americana della Sigel, Felisa Okawa, alla fine autrice di 29 punti, ma meritevole di menzione anche la giovanissima e bravissima centrale Giulia Caserta, classe 1999, ma con atteggiamenti da veterana sul taraflex, 11 punti complessivi per lei. In casa Aragona invece la migliore notizia è data dalla consapevolezza che la straniera Danjiela Dzakovic vada inserendosi nella nuova realtà del campionato italiano, mentre di contro resta assolutamente deficitaria la qualità della ricezione, come tristemente confermato dalle percentuali statistiche che vedono Aragona con la peggior percentuale in tale fondamentale nell’intero girone A. Prossimo appuntamento per la Sigel Dalli Cardillo domenica prossima, quando si andrà a far visita al San Giovanni in Maregnano, oggi vittorioso in trasferta nel derby romagnolo con Ravenna.

Parziali 22-25, 21-25, 25-23, 22-25

SEAP DALLI CARDILLO ARAGONA: Dzakovic 24, Negri 3, Stival 13, Moneta 10, Cometti 7, Caracuta 1, Vittorio (L), Bisegna 1, Zech, Ruffa (L), Casarotti, Zonta. All. Micoli.
SIGEL MARSALA VOLLEY: Pistolesi 14, Parini 9, Okenwa 30, Panucci 13, Caserta 11, Scacchetti 2, Gamba (L), Deste, Vaccaro (L), Ferraro, Ristori. All. Delmati.
ARBITRI: Nava, Santoro. NOTE – Durata set: 29′, 29′, 30′, 29′; Tot: 117′.
NOTE: Muri Aragona 10, Marsala 5. Ace Aragona 3, Marsala 6. Err. battuta Aragona 8, Marsala 20. Err. azione Aragona 11, Marsala 10. Attacco Aragona 32%, Marsala 41%. Ricezione Aragona 54% (22% perfetta), Marsala 75% (23% perfetta).

Ph Antonio Piraneo

La sala stampa del derby al PalaMoncada: le sensazioni dei due allenatori e del capitano Moneta

<iframe src=”https://www.facebook.com/plugins/post.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2FAgrigentoOggi%2Fposts%2F10159461111732071&show_text=true&width=500″ width=”500″ height=”686″ style=”border:none;overflow:hidden” scrolling=”no” frameborder=”0″ allowfullscreen=”true” allow=”autoplay; clipboard-write; encrypted-media; picture-in-picture; web-share”></iframe>