Vertice sul viadotto Morandi: “il comportamento dell’Anas è da stigmatizzare”

Stamattina alle ore 11 nei locali della Presidenza del C.C si è riunita la II Commissione Consiliare Permanente per la trattazione di problemi di viabilità cittadina e in particolar modo per analizzare la situazione attuale del viadotto Morandi e per proporre ipotesi di soluzione e tempi di realizzazione. La riunione si è svolta in presenza dei Consiglieri Gerlando Gibilaro, Rita Monella, William Giacalone e di un privato cittadino –  Eros Bartolomeo – . Quest’ultimo ha consegnato alla Commissione delle foto della galleria Quadrivio Spinasanta facendo presente che ai lavori odierni sono stati invitati i Presidenti di tutte le commissioni consiliari permanenti e sull’iniziativa hanno dato disponibilità il Presidente Vullo, il Presidente Borsellino e Spataro. Ha inoltre affermato che “il comportamento dell’Anas è da stigmatizzare. Ci si sarebbe aspettato che si sarebbe mossa per mettere a conoscenza il Consiglio Comunale e l’intera città di quali siano le reali soluzioni adottate per risolvere la questione “Morandi” e delle altre arterie chiuse dalla stessa Anas per problemi che non sono mai stati comunicati ufficialmente.”

Ci si aspettava quindi un atteggiamento diverso da parte di un ente la cui competenza di gestione ha un forte impatto sulla vita quotidiana dei cittadini. Sulla questione è poi intervenuto il Consigliere Gibilaro: “ritengo opportuno in primis conoscere, attraverso una perizia tecnica, la reale situazione del viadotto. Purtroppo ad oggi la Commissione preposta allo svolgimento delle funzioni referenti sulla problematica non ha alcuna contezza né da parte dell’Amministrazione né dagli altri enti.”

I lavori della Commissione di oggi intendevano fornire un servizio di informazione alla collettività e di adottare infine tutti gli strumenti previsti dalle Leggi di riferimento per ottenere maggiori informazioni riguardo il ponte Morandi e del resto delle strutture viarie interdette al traffico.