Biagio Nigrelli : vi racconto cosa ha generato la fine dell’Akragas

Biagio Nigrelli dall’Akragas alla Reggina tra rimpianti e soddisfazioni.

Adesso è ufficiale, Biagio Nigrelli, ex team manager dell’Akragas di Lega Pro, è adesso un collaboratore della Reggina Calcio. La società calabrese ha affidato a lui il ruolo di head scouting per la Sicilia. Dovrà visionare e segnalare giovani talenti alla Reggina 1914.  Nigrelli comincia così una nuova avventura anche se rimane vivo il dolore per aver visto fallire la “sua” Akragas.

La Reggina pochi giorni fa ha ufficializzato il tuo incarico per il club?

Sì, e per questo ringrazio la famiglia Praticò per l’opportunità che mi ha concesso e per tale motivo cercherò in tutti i modi di ripagare la fiducia.

Come ti sembra la Reggina?

La proprietà ha creato un’organizzazione societaria di primo livello ed affidato la carica di DS a Massimo Taibi, il quale ha fatto un ottimo lavoro allestendo un organico competitivo con un budget ridotto puntando molto su giovani di prospettiva.

Cosa provi a vedere l’Akragas in questa situazione?

Profondo dolore perché, com’è noto, sono un tifoso dell’Akragas fin da bambino. Spero che questa situazione possa risolversi al più presto per il bene di chi ha a cuore le sorti del gigante.

Esperienza all’Akragas ?

Bellissima . Il ricordo più bello è la salvezza raggiunta nei play-out contro il Melfi dopo mille problemi e vicissitudini. Non dimenticherò mai la vittoria di Catania all’ultimo secondo nello stesso anno.

Rimpianti?
Il mio più grande rammarico è che mancava poco per fare il salto di qualità.

In che senso?

Ricordo che Giavarini prima della partita in casa con la Paganese dello scorso anno, poi vinta per 2-0, mi ha voluto incontrare per dirmi che voleva rilanciare ed avevamo concordato di portare massimo Taibi come DS e nella circostanza voleva impegnarsi a costruire l’impianto di illuminazione per un progetto a lungo termine. Purtroppo dopo fu oggetto di contestazioni e da quel momento ha deciso di mollare tutto . Da quel momento è iniziata la fine dell’Akragas.