Tutela dei beni archeologici, il bilancio del nucleo Tpc

Ci sono il sequestro preventivo del teatro greco di Eraclea Minoa su ordine della Procura della Repubblica di Agrigento, e i sigilli apposti alle strutture abusive realizzate successivamente all’originaria costruzione di “Casa Valenti”, all’interno del parco archeologico della Valle dei Templi di Agrigento, fra le tante operazioni effettuate nel 2021, e inserite nel bilancio annuale dai carabinieri del nucleo Tutela patrimonio culturale, nei territori di Palermo, Agrigento, Caltanissetta, Enna e Trapani.

Nel 2021, l’attività del nucleo Tpc di Palermo ha portato al sequestro di 11.516 importanti reperti archeologici, e 10 reperti paleontologici illecitamente trafugati. Da registrare un lieve decremento di furti di beni culturali sull’intero territorio siciliano: 20 nel 2021, a fronte dei 23 dell’anno precedente. Nell’ambito dell’attività di contrasto al fenomeno della falsificazione delle opere d’arte, nel corso dei controlli su siti web dedicati all’e-commerce, sono state sequestrate 14 opere contraffatte.

L’attività di prevenzione ha portato a 276 controlli finalizzati alla sicurezza dei luoghi della cultura, quali musei, archivi e biblioteche, e delle aree archeologiche tutelate da vincoli paesaggistici. Le verifiche hanno altresì riguardato gli esercizi commerciali di settore, con numerosi controlli amministrativi in mercatini, fiere ed antiquari che rivestono un ruolo fondamentale per contrastare la ricettazione di beni rubati.

Incisiva è stata l’azione di contrasto, svolta attraverso indagini di Polizia giudiziaria, d’iniziativa o su delega dell’Autorità giudiziaria, finalizzate al recupero dei beni culturali trafugati e all’individuazione dei sodalizi criminali operanti nel settore. Nel 2021, sono state denunciate 73 persone per diversi reati (prevalentemente furto, ricettazione e contraffazione di opere d’arte) e sono stati sequestrati beni culturali illecitamente sottratti per oltre un milione e duecentomila euro. I beni recuperati sono stati riconsegnati a musei, chiese, alla Regione per garantirne la pubblica fruizione.

I numeri del bilancio: verifiche alla sicurezza di musei, biblioteche e archivi 35; controlli nelle aree archeologiche 80; controlli alle aree tutelate da vincoli paesaggistici/monumentali 92; controlli presso esercizi antiquariali, mercati e fieri antiquariali 69. TOTALE 276.

Sintesi dell’azione di contrasto: beni recuperati 12.875; beni archeologici 11.516; beni paleontologici 10; beni antiquariali 1.349; valore economico dei beni recuperati 1.202.900 euro; falsi sequestrati 14; valore economico falsi sequestrati 22.500 euro; persone denunciate all’Autorità giudiziaria 73; perquisizioni 47.

Tipologia dei reati perseguiti: ricettazione 50; scavo clandestino 3; contraffazione opere d’arte 12; illecita esportazione 1. Altri reati 60.