Trovato morto un altro sub, il terzo in 15 giorni. C’è un collegamento con il ritrovamento di droga?

Ancora un sub, il terzo nell’arco di 15 giorni, trovato morto nelle acque dell’Isola. Questa volta tra Trabia e Termini Imerese, in contrada “Ginestra”, lungo il litorale del Palermitano. A recuperarlo in mare la Guardia costiera.  Ha il volto sfigurato e non è riconoscibile. Le indagini sono condotte dai carabinieri. Anche in questo caso l’uomo indossava una tuta da sub e dalle condizioni del cadavere è evidente che il corpo si trova in acqua da diverso tempo.

Gli altri due sub erano stati trovati a Cefalù e a Castel di Tusa, in provincia di Messina. I tre morti potrebbero essere collegati con alcuni carichi di hashish trovati in diverse spiagge dell’isola. L’indagine sui sub morti è coordinata dal procuratore capo di Patti, Angelo Cavallo.
Sulla vicenda del ritrovamento della droga (circa 200 chili di hashish) indaga la Procura di Agrigento.