Toninelli in Sicilia: Partiti i lavori del raddoppio della linea ferroviaria Palermo – Catania

Partiti i lavori per la realizzazione della nuova linea ferroviaria Palermo – Catania, collegamento che rivoluzionerà lo sviluppo della mobilità in Sicilia.

Presenti alla cerimonia di avvio dei lavori, nel cantiere del tratto di linea Bicocca – Catenanuova, il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli, l’Assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone, il sindaco di Catenanuova Carmelo Giancarlo Scravaglieri e l’Amministratore delegato di Rete Ferroviaria Italiana e Commissario per l’itinerario Palermo – Catania – Messina Maurizio Gentile.

Il nuovo collegamento veloce permetterà di ridurre i tempi di percorrenza fra le due città e di garantire una maggiore capacità dei binari, andando quindi a migliorare l’esperienza di viaggio dei siciliani, con benefici per l’intero sistema di trasporto e per l’ambiente. La nuova linea Palermo – Catania, parte integrande del Corridoio ferroviario europeo TEN-T Scandinavia-Mediterraneo, è uno degli interventi previsti per migliorare la mobilità in Sicilia. Ammonta infatti complessivamente a 13 miliardi di euro il piano di investimenti di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) per la realizzazione di nuove infrastrutture e il potenziamento tecnologico della rete esistente. Il progetto di raddoppio del tracciato Bicocca – Catenanuova ha un valore di 415 milioni di euro. L’attivazione di un primo binario è prevista nel 2021 mentre l’intervento su entrambi i binari terminerà nel 2023, concludendo di fatto la prima fase funzionale del nuovo collegamento ferroviario veloce fra Palermo e Catania.

“Sono venuto qui a Catenanuova, nell’ennese, per il primo colpo di piccone dei lavori che porteranno al raddoppio della linea Palermo-Catania”, scrive su facebook il ministro Toninelli. “Una grande opera da 8 miliardi complessivi, un cantiere ferroviario che significa prima di tutto normalita’ per i siciliani che hanno diritto di spostarsi in modo efficiente, come accade in tutti i paesi civili. Quindi, il ministro prosegue: “Nel 2021 vedremo i primi effetti concreti e i primi benefici sul servizio. Nel 2025 l’opera sara’ completa. E servira’ a collegare meglio le due citta’ piu’ importanti di questa splendida isola, risparmiando praticamente un’ora di viaggio. Stiamo parlando di un collegamento fondamentale per i cittadini, le imprese, per il turismo siciliano. Si’, perche’ un intervento cosi’ importante – conclude Toninelli -, unito ai lavori in corso per condurre i binari sin dentro l’aeroporto di Catania, rappresenta l’esempio piu’ grande di quella scommessa sull’intermodalita’ che abbiamo fatto e che vogliamo portare fino in fondo”.

Sempre pomeriggio, alla presenza del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, e dell’amministratore delegato di Anas, Massimo Simonini, sarà riaperta alla circolazione la carreggiata in direzione Palermo del viadotto ‘Morello’, nell’ennese, lungo l’autostrada A19 ‘Palermo-Catania’.

Anas sottolinea che “l’opera si sviluppa a carreggiate separate dal km 106,825 al km 112,400 dell’autostrada, per una lunghezza complessiva di circa 5.575 metri, ed è costituita da una successione di 125 campate per ciascuna carreggiata. L’intervento ultimato oggi risultava necessario in quanto dall’anno della sua realizzazione, avvenuta a cavallo tra il 1969 e il 1970, il viadotto era stato oggetto soltanto di interventi di manutenzione straordinaria di tipo localizzato”.