Tentato omicidio, arrestato consigliere comunale

E’ stato arrestato il consigliere comunale di 48 anni, Gaetano Aronica, eletto da ‘civico’ a Licata con la lista ‘Lega noi con Salvini’, che ha sparato quattro colpi di pistola contro l’ex socio di 71 anni, anche lui licatese, per un contenzioso nelle gestione di un’attività di onoranze funebri, ferendolo con un proiettile al braccio sinistro.

Nei suoi confronti il Gip Tribunale di Agrigento, Stefano Zammuto, ha emesso un’ordinanza per la custodia cautelare ai domiciliari con il braccialetto elettronico. L’uomo è accusato di tentato omicidio, porto e detenzione di arma clandestina e ricettazione. Sul caso indagano carabinieri e polizia di Licata.

“Si ravvisa il concreto a attuale pericolo che Gaetano Aronica, ove non adeguatamente contenuto commetta altri reati della stesse specie per cui si procede”. Lo scrive il Gip di Agrigento, Stefano Zammuto, nelle 11 pagine dell’ordinanza di custodia cautelare.

“Ho sbagliato, l’esasperazione mi ha portato a mettere in atto questo gesto. Non volevo sparare”. Aveva detto Aronica, interrogato da carabinieri e polizia, delegati dal magistrato titolare dell’inchiesta, dopo che si era costituito. L’indagato ha reso piena confessione, ammettendo le sue responsabilità.