Sorpresi a fumare crack in auto con una ragazzina, scattano due arresti

Sorpresi in auto a fumare crack, in compagnia di una minore. Tutto quanto, la notte di Halloween, nel corso del servizio di controllo del territorio svolto dalle Volanti del Commissariato di Canicattì. Gli agenti, diretti dal vice questore Cesare Castelli, e coordinati dalla Procura della Repubblica di Agrigento, hanno arrestato due giovani canicattinesi, di 25 e 20 anni, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, mentre una giovane ragazza di 17 anni è stata denunciata, a piede libero, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Palermo.

I poliziotti nel transitare nei pressi di un piazzale del centro cittadino, notava un’autovettura sospetta con tre giovani a bordo, trovati ad aspirare il vapore da una bottiglietta di plastica, contenente verosimilmente sostanza stupefacente del tipo crack. La perquisizione effettuata all’interno dell’auto permetteva il rinvenimento di due pezzetti di hashish, ed occultato anche un bilancino di precisione. La perquisizione personale a carico dei giovani aveva esito positivo perché addosso ad uno dei tre ragazzi veniva trovata e sequestrata una tavoletta di sostanza stupefacente del tipo hashish del peso di quasi 60 grammi.

Dopo gli adempimenti di rito, giuste disposizioni del Pm di turno della Procura della Repubblica di Agrigento, gli arrestati venivano condotti presso le loro abitazioni in regime di arresti domiciliari, mentre la ragazzina veniva segnalata a piede libero e consegnata ai genitori. Continua incessante il contrasto al diffuso fenomeno della detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, che purtroppo trova in giovani ed anche giovanissimi gli abituali consumato