Scala dei Turchi, villaggio dei Vip: reati prescritti per gli imputati

Reati prescritti per otto imputati del processo scaturito sulle presunte irregolarità legate alla realizzazione del cosiddetto “Villaggio dei vip”, un complesso di villette a schiera nei pressi della Scala dei Turchi. I giudici della seconda seconda sezione penale, del Tribunale di Agrigento, presieduta da Wilma Angela Mazzara (a latere Manfredi Coffari e Fulvia Veneziano) hanno emesso una sentenza di “non doversi procedere per avvenuta prescrizione”.

Gli imputati sono l’architetto Giuseppe Vella, 59 anni, funzionario del Comune di Realmonte; Giuseppe Farruggia, 64 anni, ex sindaco di Realmonte e progettista della lottizzazione “Co.Ma.Er”; Cristoforo Giuseppe Sorrentino, 54 anni, tecnico dell’Utc di Realmonte; Daniele Manfredi, 57 anni, direttore dei lavori; Giovanni Farruggia, 61 anni, direttore dei lavori per le opere di urbanizzazione relative alla lottizzazione “Co.Ma.Er”; Vincenzo Caruso, 62 anni, Agostino Friscia, 65 anni, e Calogero Carbone, 65 anni, dirigenti della Soprintendenza ai Beni culturali.

Il pubblico ministero Cecilia Baravelli aveva chiesto la condanna a 2 anni e 2 mesi di reclusione per Manfredi, 2 anni per tutti gli altri ai quali si contestava il solo abuso di ufficio. I reati di lottizzazione abusiva e di deturpazione di bellezze naturali, alcuni dei quali, risalenti a partire dal 2008, anche per il magistrato della Procura di Agrigento erano prescritti.