Sbarco fantasma nell’agrigentino: trovato cadavere in spiaggia

Nuovo sbarco di migranti, ieri, nell’agrigentino, durante il quale ha perso la vita un magrebino.

Il cadavere di un uomo di mezza età è stato trovato sulla spiaggia di Torre Salsa dai carabinieri della stazione di Siculiana. Sembrerebbe che l’immigrato sia annegato durante le fasi di uno sbarco fantasma avvenuto fra Siculiana e Montallegro e poi la corrente del mare lo abbia spinto fino all’arenile.

La voce di un possibile arrivo di approdo di extracomunitari era già stata diffusa il giorno prima. Infatti, i carabinieri hanno avviato subito una perlustrazione, nella quale hanno rintracciato 11 tunisini.

Secondo le testimonianze raccolte dai militari dell’Arma, sull’imbarcazione, che però non è stata trovata,sarebbero stati in 15.

Tra i migranti fermati a Porto Empedocle, uno ha riportato leggere ferite e abrasioni sul corpo, mentre un altro piccoli tagli. (FOTO ARCHIVIO)

Sono circa 1400 i migranti tratti in salvo oggi nel Mediterraneo Centrale, in 11 distinte operazioni di soccorso, coordinate dalla Centrale Operativa della Guardia Costiera a Roma, del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti; sono stati recuperati anche due corpi privi di vita.

I migranti si trovavano a bordo di 7 gommoni e 3 barchini e 1 barcone. Hanno preso parte alle operazioni di soccorso la motovedetta CP319 della Guardia Costiera di Lampedusa, una unità del dispositivo Eunvaformed, una unità della Guardia di Finanza e unità ONG.