Rifiuti speciali in officine, nei guai due meccanici

Operazione ambientale dei carabinieri nell’agrigentino alla ricerca di rifiuti pericolosi.

In particolare a Bivona è stato denunciato un meccanico di 55 anni. Nella sua officina i militari dell’Arma hanno trovato che una porzione dello stabile era stata adibita a deposito di pneumatici che sono stati sequestrati. L’uomo è stato deferito per l’ipotesi di reato di deposito incontrollato di rifiuti.

Controlli e verifiche anche nel Comune montano di Santo Stefano Quisquina dove a finire nei guai è stato il titolare di un’altra officina meccanica. Si tratta di un cinquantenne che dovrà rispondere, adesso, dell’ipotesi di reato di deposito incontrollato di rifiuti urbani e speciali.

Lì i carabinieri del comando provinciale di Agrigento avrebbero trovato quattro tonnellate e mezzo di rifiuti urbani, anche speciali. Il materiale è stato sequestrato.