Ricettazione di cavi in rame rubati alle Ferrovie, condannati tre agrigentini

Riconosciuti colpevoli di aver acquistato o occultato 1 chilometro di rame, asportato lunga la linea ferrata Agrigento-Palermo. Tre imputati sono stati condannati, per ricettazione, a 1 anno e 2 mesi di reclusione ciascuno. Si tratta di Amedeo Stagno, 30 anni, di Agrigento, Calogero Filippo Barone, 54 anni, di Racalmuto, e un rumeno Dumitru Gherghisan, 36 anni. La condanna diventa definitiva con la pronuncia della Cassazione. Confermata la sentenza del Tribunale di Agrigento, giudice Katia La Barbera. La vicenda risale al 2015. L’indagine è iniziata dopo un furto di cavi in rame in una proprietà della Rete Ferroviaria Italiana, tra la stazione di Comitini e quella di Campofranco. I tre vennero fermati e controllati dagli agenti della Polfer, e trovati in possesso della refurtiva, lungo la Ss 189.