Raid in un vigneto, distrutte 1.200 piante: danni per 35 mila euro

Ignoti sono penetrati nel fondo, ed hanno tranciato 70 fili tiranti, che sostenevano su due lati il vigneto, e facendo  finire a terra 1.200 piante di uva Italia, tutte con frutto prossimo alla raccolta. Il danno è stato quantificato in 35 mila euro, non coperto da nessuna polizza assicurativa. Il proprietario, un cinquantasettenne, bracciante agricolo di Canicattì, ha formalizzato una denuncia, a carico di ignoti, al Commissariato di polizia cittadino.

E i poliziotti, dopo avere avvisato la Procura della Repubblica di Agrigento, hanno avviato le indagini. L’uomo avrebbe affermato di non avere sospetti, né sul motivo del gesto, e di non avere avuto diverbi o questioni di qualsiasi natura. Il danneggiamento è stato messo a segno in contrada “Caizza Giummello”, nelle campagne di Canicattì, e nessuno, a quanto pare, avrebbe visto, né sentito nulla che possa aiutare gli investigatori a fare piena luce sulla vicenda.