Prosegue il corso on line per diventare arbitri di calcio

AGRIGENTO. Si è svolta la quarta lezione del corso on line per arbitri di calcio, stagione sportiva 2020/21 organizzato dalla sezione Aia “Ulisse Arancio” di Agrigento. Sessione che ha visto la partecipazione di diversi giovani (più di 30) appartenenti a diversi comuni della provincia che con entusiasmo stanno affrontando il percorso formativo che li porterà, nel nuovo anno a diventare arbitri di calcio della Figc. Nella quarta lezione, supervisionata dal presidente provinciale Gero Drago e dal vice presidente e arbitro della Can C Antonino Costanza, sono state illustrate le regole dalla sesta alla decima con l’ausilio di video e slides messe a disposizione dal settore tecnico nazionale dell’Aia.

Il corso è articolato in due incontri settimanali (durante le ore serali) della durata di circa due ore ciascuno per circa due mesi. “Durante questi mesi – commenta il presidente Drago – si alterneranno nella formazione i colleghi appartenenti a tutte le categorie per fornire ai futuri arbitri una preparazione adeguata”. Al corso accedono i cittadini italiani di sesso maschile e femminile che abbiano compiuto il 15esimo anno di età e non compiuto il 35esimo anno. Al termine delle lezioni, dopo aver superato un breve esame e dopo la certificazione d’idoneità alle attività agonistiche, sarà consegnata la tessera federale che consentirà l’ingresso gratuito in tutti gli stadi d’Italia e la divisa arbitrale per dirigere le gare. Per gli studenti di scuola superiore, l’acquisizione della qualifica di “Arbitro”.

Intanto si è svolta anche la prima riunione tecnica obbligatoria della nuova stagione sportiva per i soli arbitri a disposizione dell’organo tecnico sezionale. Riunione che, non si è svolta come di consueto presso i locali sezionali, bensì in modalità telematica. Relatore è stato il presidente di sezione, Gero Drago collaborato dal suo vice, Antonino Costanza, dall’organo tecnico Pietro Costanza, dal consigliere Gaetano Catalano e dal collaboratore sezionale Calogero Giardina. Durante la riunione il presidente ha illustrato il regolamento associativo con particolare attenzione all’articolo 40 (diritti e doveri dell’arbitro) e successivamente si è passati all’analisi di diversi filmati forniti dal Settore Tecnico in cui si è analizzato in particolare il fallo di mano. Tanti sono stati gli interventi degli arbitri, che hanno dimostrato tanto interesse e partecipazione.