Assunzioni regionali in cambio di denaro, a processo un canicattinese e due favaresi

Avrebbero promesso assunzion e posti di lavoro alla Regione, in cambio di “appena” 15.000 mila euro. Nello specifico posti di lavoro al Museo di Agrigento e al Parco Archeologico della Valle dei Templi o alla Biblioteca Luigi Pirandello.

Con queste accuse la Procura di Agrigento ha disposto la citazione diretta a giudizio con l’accusa di truffa e falso nei confronti di un 43enne, di Canicattì, e due favaresi, entrambi di 57 anni.

I tre andranno a processo nella prossima udienza fissata per il 15 aprile.

La figura chiave dell’inchiesta è il canicattinese che secondo l’accusa avrebbe truffato una serie di impiegati e vigili urbani a cui avrebbe “venduto” una serie di esami universitari che valsero una laurea telematica.