Pistola e fucile sopra armadio di casa, assolto 59enne

tragedia maccalube

Gioacchino Di Vincenzo, 59 anni, di Palma di Montechiaro, è stato assolto dal giudice monocratico del Tribunale di Agrigento, Gianfranca Infantino, dall’accusa di non aver custodito con diligenza le armi, un fucile e una pistola, detenute legalmente con tanto di regolare permesso.

Le armi furono trovate sopra un armadio di casa dell’uomo dai agenti di polizia intervenuti per un controllo dopo una denuncia per minacce e lesioni. Gli agenti nel rapporto evidenziarono come in casa dell’uomo vi fosse anche una ragazza minorenne e denunciarono il palmese.

L’uomo era difeso dall’avvocato Posante che ha ribadito come “il legislatore per i privati non ha previsto alcuna modalità di custodia delle armi, le prescrizioni sussistono solo per chi esercita professionalmente attività in materia di armi o esplosivi. Per il privato cittadino è prevista soltanto la normale diligenza e prudenza, alla quale l’imputato si era attenuto”.