Orrore all’università di Perm, solidarietà dal consorzio universitario di Agrigento

Il Presidente del Consorzio Universitario ,  Mangiacavallo, il suo vice,  Di Maida, ed il C.d.A, esprimono profonda solidarietà e cordoglio per il folle atto che ha fatto 6 morti e diversi feriti, compiuto all’Università Statale di Perm in Russia, da uno studente al primo anno di giurisprudenza.

Il Consorzio, che in passato ha avuto scambi culturali con l’università russa e ha da poco ospitato il Console Generale per la Federazione Russa a Palermo, per intenti e future collaborazioni culturali, si stringe intorno alle famiglie delle vittime con profondo rammarico e cordoglio per l’accaduto.

“ Non ci sono parole per descrivere l’accaduto” dice il Presidente Mangiacavallo, “ Un atto vile ad opera di un folle che ha distrutto la vita e i sogni di 6 persone, ferendone 24. Episodio, questo, che addolora e lascia basito il mondo intero anche in considerazione del fatto che l’aggressore sia stato un diciottenne, studente al primo anno di giurisprudenza, tale Timur Bekmansurov, che ha eseguito delle vere e proprie esecuzioni su altri studenti coetanei. Il mio personale cordoglio va alle famiglie delle vittime innocenti e all’Ateneo di Perm, al quale, il Consorzio che rappresento, si stringe con sentimenti di assoluta solidarietà umana”.