Operazione “Montagna”, Sabella respinge le accuse: “Niente accordi coi boss”

Santino Sabella, ex sindaco di San Biagio Platani arrestato nei giorni scorsi, con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa, nell’ambito del blitz denominato “Montagna” si difende dalle accuse. I suoi avvocati si rivolgono al Tribunale del Riesame per ottenere l’annullamento della misura cautelare.

In particolare, Sabella, avrebbe concordato, secondo l’accusa,  le candidature delle elezioni del 2014, col presunto boss del paesino agrigentino, Giuseppe Nugara, in cambio di alcuni “favori” riguardanti appalti pubblici.

Il Riesame di Palermo dovrà decidere circa l’istanza presentata dagli avvocati difensori di Sabella, Antonino e Vincenza Gaziano.